Young in Seoul

A Seoul (서울특별시) exploration inside the Sinchon (신촌역), Hongdae (홍대) and Myeongdong (명동)  neighborhoods findings signs of social changes and  how definitions of gender and the modes of its performance are shifting along the South Korean globalization process.
Click here for English text
Clicca qui per leggere in Italiano
Click here for English text

 

“By repurposing the concept “cultural landscape”, I propose a new direction, one partially (and minimally) explored by the century-old practice of street and the much younger genre of street fashion photography, in which physical landscapes are affected by their human geographies in a direct way, whether commercially through consumption (“ladification” in Seoul), governmentally through zoning or other kinds of use restrictions, or traditional/customary patterns in land/building usage or cultural practices within certain spaces.”

Dr. Michael W. Hurt deconstructingkorea.com

“Fashion that can be defined initially as the social systemic production, consumption and institutionalization of novelty is a cultural phenomenon that integrates culture, the individual and the economy. Fashion is both an idea and an ideal.
In general, fashion is fundamental to culture because it offers aesthetic forms in fields such as dress and clothing, philosophy and religion, music, habits and customs, through which individuals attach to, or demonstrate their difference from, various communities.
As a cultural process, fashion is responsible for locating individuals within a constantly changing forest of objects, people, events, styles and practices to which they relate, about which they form opinions and which symbolically help to locate them within various social strata and communities. In this way, being 'in fashion', indifferent to it or actively claiming to reject fashion becomes an important technique for individuals to establish their social difference and individuality.”

www.sociologyguide.com

Clicca qui per leggere in Italiano
 
Una esplorazione di Seoul (서울특별시) all'interno dei quartieridi Shinchon (신촌역), Hongdae (홍대), e Myeongdong (명동)  cercando i segni dei cambiamenti sociali e di come le definizioni di genere e le sue modalità di rappresentazione  stanno cambiando nel processo di globalizzazione in atto in Corea del Sud.

“Propongo una nuova lettura del concetto di 'paesaggio culturale', in parte (e in minima parte) esplorato da un secolo di pratica della fotografia di strada e molto più di recente dalla fotografia di moda di strada, in cui i paesaggi fisici sono influenzati in modo diretto dalle loro geografie umane, sia commercialmente, attraverso il consumo ('ladification' in Seoul) sia governando la separazione in zone o mediante altri tipi di restrizioni o schemi tradizionali/consuetudini, nell'uso del territorio e pratiche culturali all'interno di certi spazi.”

Dr. Michael W. Hurt deconstructingkorea.com

“La moda che può essere definita inizialmente come produzione sociale sistemica, consumo e istituzionalizzazione delle innovazioni, è un fenomeno culturale che integra la cultura, l'individuo e l'economia. La moda è sia un'idea che un ideale.

In generale, la moda è fondamentale nella cultura perchè offre forme estetiche a settori come l'abbigliamoento, la filosofia e la religione, la musica, le abitudini e i consumi attraverso cui gli individui aderiscono o si distinguono da una comunità.

Come processo culturale, la moda è indispensabile per la focalizzazione degli individui all'interno di una foresta di oggetti, persone, eventi, stili e pratiche in continua evoluzione, a cui essi si riferiscono, di cui formano le opinioni e che simbolicamente aiutano a individuarli all'interno dei vari strati sociali e comunità. In questo modo, essere 'alla moda', indifferenti o rifiutare attivamente di aderirvi diventa una modalità per definire la propria differenza sociale ed individualità.”

www.sociologyguide.com

Click to read more in English

“By repurposing the concept “cultural landscape”, I propose a new direction, one partially (and minimally) explored by the century-old practice of street and the much younger genre of street fashion photography, in which physical landscapes are affected by their human geographies in a direct way, whether commercially through consumption (“ladification” in Seoul), governmentally through zoning or other kinds of use restrictions, or traditional/customary patterns in land/building usage or cultural practices within certain spaces.”

Dr. Michael W. Hurt deconstructingkorea.com

“Fashion that can be defined initially as the social systemic production, consumption and institutionalization of novelty is a cultural phenomenon that integrates culture, the individual and the economy. Fashion is both an idea and an ideal.
In general, fashion is fundamental to culture because it offers aesthetic forms in fields such as dress and clothing, philosophy and religion, music, habits and customs, through which individuals attach to, or demonstrate their difference from, various communities.
As a cultural process, fashion is responsible for locating individuals within a constantly changing forest of objects, people, events, styles and practices to which they relate, about which they form opinions and which symbolically help to locate them within various social strata and communities. In this way, being 'in fashion', indifferent to it or actively claiming to reject fashion becomes an important technique for individuals to establish their social difference and individuality.”

www.sociologyguide.com

Click per leggere in Italiano
Una esplorazione di Seoul (서울특별시) all'interno dei quartieridi Shinchon (신촌역), Hongdae (홍대), e Myeongdong (명동) cercando i segni dei cambiamenti sociali e di come le definizioni di genere e le sue modalità di rappresentazione stanno cambiando, lungo il processo di globalizzazione in atto in Corea del Sud.

“Propongo una nuova lettura del concetto di 'paesaggio culturale', in parte (e in minima parte) esplorato da un secolo di pratica della fotografia di strada e molto più di recente dalla fotografia di moda di strada, in cui i paesaggi fisici sono influenzati in modo diretto dalle loro geografie umane, sia commercialmente, attraverso il consumo ('ladification' in Seoul) sia governando la separazione in zone o mediante altri tipi di restrizioni o schemi tradizionali/consuetudini, nell'uso del territorio e pratiche culturali all'interno di certi spazi.”

Dr. Michael W. Hurt deconstructingkorea.com

“La moda che può essere definita inizialmente come produzione sociale sistemica, consumo e istituzionalizzazione delle innovazioni, è un fenomeno culturale che integra la cultura, l'individuo e l'economia. La moda è sia un'idea che un ideale.

In generale, la moda è fondamentale nella cultura perchè offre forme estetiche a settori come l'abbigliamoento, la filosofia e la religione, la musica, le abitudini e i consumi attraverso cui gli individui aderiscono o o si distinguono da una comunità.

Come processo culturale, la moda è indispensabile per la focalizzazione degli individui all'interno di una foresta di oggetti, persone, eventi, stili e pratiche in continua evoluzione, a cui essi si riferiscono, di cui formano le opinioni e che simbolicamente aiutano a individuarli all'interno dei vari strati sociali e comunità. In questo modo, essere 'alla moda', indifferenti o rifiutare attivamente di aderirvi diventa una modalità per definire la propria differenza sociale ed individualità.”

www.sociologyguide.com


Privacy Policy